Tecniche Perfette 2012: Fat Mc campione

Un’edizione particolare con un vincitore particolare. Fat Mc è il campione del Tecniche Perfette meno “celebre” nel mondo del freestyle, anche perché non ha mai partecipato ad altre finali del Tecniche. In molti si sono chiesti come sia andata l’edizione di quell’anno, lo stesso anno in cui si svolgeva per la prima volta MTV Spit, tra l’altro. Abbiamo cercato, quindi, di ricostruire la storia dell’evento, che si svolse all’Hiroshima Mon Amour di Torino, mettendo insieme alcuni frammenti che ci sono stati raccontati.

Partiamo dai partecipanti: T-Rabbia (Calabria), Blnkay (Piemonte), Nerone (Lombardia), Virux (Veneto), Morbo (Marche), Nill (Abruzzo), Elfo (Sicilia), Kanaglia (Sicilia), Strikkinino (Lazio), Panico (Puglia/Molise), Risen (Liguria), Drama (Sardegna), Carbo (Emilia Romagna) più 6 ripescati dalle semifinali: Blackson (Veneto), Fat MC (Liguria), Thai Smoke (Piemonte), Il Tofa (Lombardia), Posaman (Lombardia). Insomma, non l’edizione con i nomi più grossi di sempre, ma comunque era una finale che annoverava freestyler potenti: Nerone, Blnkay, Morbo, Elfo, Posaman, T-Rabbia… In giuria c’erano Raige, July B, Noema, Principe, Maury B, Bat One, Kenzie Kenzei e Mistaman.

Fu una delle prime edizioni del Tecniche (se non la prima in assoluto) in cui l’effetto social contribuì a creare hype per la battle. Su Facebook, freestyler e appassionati esprimevano i loro pronostici e c’erano diversi confronti divertenti nei commenti. Il favorito numero uno per quasi tutti? Blnkay ovviamente.

Fat Mc, il protagonista della nostra storia, era stato ripescato dalla semifinale di Padova e sicuramente non era fra i più quotati. Era un punchliner abbastanza “ignorante”, come si suole dire, ma con buonissima presenza scenica (qualcosa di spesso sottovalutato soprattutto guardando i video). Originario di Savona, Fat Mc era arrivato a Torino insieme a Blnkay e Risen (entrambi di Genova), con altri loro amici in due pulmini. Genovesi e piemontesi rappresentavano la maggior parte del pubblico, cosa che per molti è stato un fattore per quel che riguarda i giudizi delle battle. Faceva parte di BM Records, Back Movement Records, un’etichetta che – secondo alcune fonti – in quella finale aveva parecchio “potere politico”. Batte agli ottavi Il Tofa e Blnkay ai quarti, senza fare prestazioni indimenticabili.

Proprio dopo la vittoria, in una sfida (link YT) non particolarmente spettacolare contro il fenomeno genovese, avviene un altro evento storico. Mastafive è sul palco per presentare la sfida successiva. Qualcuno dal pubblico gli lancia un bicchiere di plastica pieno di alcol addosso, forse per protestare per l’esito della battle. Masta è visibilmente e ragionevolmente arrabbiato: con grande charme e tranquillità passa gli occhiali al Principe e improvvisamente si lancia sul pubblico roteando le braccia per cercare di colpire il suo nuovo nemico, distribuendo una buona quantità di colpi a diversi spettatori. Infuriato, ritornerà poi presto in sé, scusandosi dell’accaduto e spiegando come faccia fatica ad accettare queste mancanze di rispetto e ricevendo l’applauso del pubblico. Una scena molto particolare e a tratti comica, che non causò nessun “ferito”. Non si è mai capito chi fosse stato effettivamente il villano che ha compiuto l’atto sacrilego, anche se si dice che sia stato un ragazzo genovese.

Ritorniamo al plot principale: Fat Mc super anche Mc Nill, che aveva sorprendentemente raggiunto le semifinali.

Nel mentre Morbo, l’altro finalista – per arrivare all’atto conclusivo – aveva sconfitto Risen agli ottavi (con una prova sontuosa), oltre a Posaman e Virux in semifinale.

La finale (mai comparso su YouTube il video) dura 35 minuti, classico giro della morte. Morbo è superiore all’avversario per una buona metà della sfida, Fat Mc si difende e non se la gioca male, ma è tecnicamente troppo inferiore e a livello di concentrazione non regge per un minutaggio così alto solo attraverso le punchline. La rima più pesante del ligure, all’interno della battle, è “la tua tipa è così grassa, che se va allo zoo le danno un elefante di resto”. Morbo, in poche parole, è semplicemente più forte e pare essersela portata a casa. Si va alla votazione: il pubblico è leggermente a favore di Morbo, nonostante i tanti liguri presenti. Sembra quindi tutto deciso in favore del King degli Incastri. Invece, con grandissima sorpresa, la giuria premia Fat Mc, che diventa il secondo vincitore ligure nella storia del Tecniche Perfette.

Dopo la vittoria, Fat Mc sale sul palco e dichiara: “Vorrei dire una cosa, la vittoria di oggi la dedico solo a me stesso”. Un modo di porsi contro il pubblico che – a suo parere – non lo aveva sostenuto che suscitò parecchie critiche, soprattutto per il modo in cui era avvenuto il suo successo.

Per onor di cronaca, Fat Mc dal punto di vista musicale ha continuato la sua carriera nel rap, mentre non si è più visto su palcoscenici importanti di freestyle. Ha iniziato anche a lavorare in un social club, utilizzando come nome James Bong.

CmA

Torna in alto